Come creare un sito web con WordPress

Come creare un sito web con WordPress: la guida passo passo

In questa guida scopriremo come creare un sito web con WordPress.

È un argomento che interessa a molti, sia perché sempre più persone sentono l’esigenza di aprire un proprio spazio sul web (per motivi personali e/o professionali), sia perché WordPress è il CMS più popolare del momento.

Se non sai che cos’è un CMS e, quindi, che cos’è WordPress, non ti preoccupare.

Partiremo dalle basi, in modo che anche un principiante assoluto possa creare un sito web facilmente e in poco tempo.

Che cos’è WordPress?

Come ti ho anticipato qualche rigo fa, WordPress è un CMS, ovvero un Content Management System, un software che ti permette di fare un sito e di gestirlo con più semplicità rispetto ai sistemi tradizionali.

Agli albori di internet solo chi possedeva competenze informatiche avanzate e una buona conoscenza dei linguaggi di programmazione poteva avventurarsi nella creazione di un sito.

Grazie al CMS moltissime operazioni sono semplificate e automatizzate, riducendo al minimo la parte “tecnica” del lavoro.

Come creare un sito web con WordPress

Con WordPress chiunque può gestire un sito o un blog, anche se non ha alcuna competenza informatica.

I vantaggi di usare questo specifico CMS sono numerosi.

Innanzitutto, è gratuito.

WordPress è un software open-source che può essere usato da chiunque gratuitamente, e modificato in base alle proprie esigenze.

Questa sua caratteristica permette di abbattere sensibilmente i costi per l’apertura e la gestione di un sito.

Come vedremo più avanti, anche se WordPress è gratuito ci sono comunque spese che potresti dover affrontare per fare un sito web, spese non legate al CMS.

È innegabile, comunque, che con questo software puoi avere un grosso risparmio.

Ha un altro grandissimo vantaggio: la community.

Essendo, come ti dicevo, il CMS più popolare del momento, ci sono tantissimi utenti che lo utilizzano ogni giorno, e che con esso hanno dato vita a milioni di progetti diversi.

Questo per te è un enorme vantaggio: se avrai un problema, anche molto specifico, probabilmente riuscirai a trovare sempre qualcuno che sa aiutarti.

Involontariamente ti ho anticipato anche una terza caratteristica interessante di WordPress, la sua flessibilità.

Ci puoi creare di tutto, da un blog a un e-commerce, sia per scopi personali che lavorativi.

Come spiego nel mio corso sull’Affiliate Marketing ROIBOOK NRG, avere un sito è indispensabile per avviare un business online, e con WordPress puoi farlo facilmente.

Come creare un sito WordPress da zero: la scelta del dominio

Se hai deciso di creare un sito web da zero, per prima cosa devi scegliere il dominio del sito.

Il dominio altro non è che il nome, quella parola (o più parole) che trovi racchiuse tra “www.” e il suffisso (.it, .com, .org, e così via).

Come creare un sito web con WordPress

Non è una scelta da prendere alla leggera.

Innanzitutto, se dovessi cambiare idea in un secondo momento, modificare il dominio può essere piuttosto difficoltoso.

Non è un semplice nome da sostituire, ma per usarne uno nuovo deve avvenire una vera e propria migrazione dei contenuti del sito su un nuovo spazio web.

Più contenuti ci sono, più il sito è complesso, più questa migrazione può essere difficoltosa.

Il mio consiglio è quindi quello di essere sicuri nella scelta del dominio, evitando pentimenti precoci.

Come si sceglie un dominio?

È il biglietto da visita del sito, e quindi deve in qualche modo far capire di cosa il sito si occupa.

Se voglio aprire un blog che tratta di animali domestici, “amiciaquattrozampe” (nei domini non sono consentiti gli spazi) può essere, ed esempio, una buona scelta.

Va da sé che nome del sito e dominio dovrebbero coincidere.

Se, quindi, opto per “www.amiciaquattrozampe.it”, l’ideale è che il nome del sito (e quindi le intestazioni, le grafiche, etc…) sia, appunto, Amici a Quattro Zampe.

Purtroppo, non sempre è possibile utilizzare il dominio desiderato.

Poiché deve essere univoco (e cioè associato ad un unico sito), può capitare che il dominio scelto sia già utilizzato da qualcun altro.

Bisogna lavorare di fantasia e cercare il giusto compromesso, utilizzando anche termini simili così da trovare un dominio che sia ancora disponibile.

Proprio per questo motivo ti ho detto che per costruire un sito web devi iniziare dalla scelta del dominio e del nome.

Queste sono le basi su cui poggerai ogni tuo futuro progetto.

Come creare un sito web gratis con WordPress

I domini vengono “affittati” per un certo periodo di tempo.

Quando tu acquisti un dominio stai facendo una sorta di abbonamento che ti garantisce l’esclusività su quello spazio web per uno o più anni (esistono anche piani mensili).

Questo abbonamento è, in linea generale, a pagamento.

Ciò significa che devi pagare una certa cifra per rendere tuo lo spazio che ospiterà il tuo sito WordPress.

Questa cifra varia in base a diversi fattori.

Ci sono domini che costano più di altri perché fanno gola a molti, avendo un nome popolare o di grande efficacia (pensa, ad esempio, a quelli che fanno riferimenti a servizi assicurativi o prodotti ad alto costo).

In genere, comunque, non si tratta di cifre elevate: parliamo di poche decine di euro l’anno.

Come creare un sito web con WordPress

Se vuoi realizzare un sito web spendendo 0 c’è comunque un’alternativa che ti permette di farlo senza sborsare nemmeno i pochi soldi richiesti per l’acquisto di un dominio.

WordPress, ad esempio, oltre ad offrirti gratuitamente il CMS (cioè il software per la gestione vero e proprio) ti mette a disposizione anche dei domini totalmente gratuiti.

Questa opzione fa parte del piano Free di WordPress, quello che ti concede anche 3 GB di spazio per il tuo sito.

Ovviamente, ci sono alcune limitazioni.

Quanto al dominio gratuito, ad esempio, puoi scegliere il nome, ma questo verrà seguito da “.wordpress”.

Tornando all’esempio di prima, se scegli di creare un blog WordPress chiamato Amici a Quattro Zampe, con il piano gratuito il dominio sarà “www.amiciaquattrozampe.wordpress.it”.

Non è una grossa limitazione, è vero, ma converrai con me che rende il tutto un po’ meno professionale.

L’hosting gratuito WordPress è una buona soluzione per chi vuole spendere il minimo, ma il mio consiglio è di spendere quelle poche decine di euro necessarie ad acquistare un dominio senza compromessi.

Come creare un sito web professionale con WordPress

Se il free WordPress hosting non fa al caso tuo, puoi rivolgerti ad un servizio esterno che ti permette di avere un dominio senza limitazioni e creare sito WordPress professionale.

Il mio consiglio, in questo caso, è di utilizzare il servizio di hosting SiteGround.

Visitando questo sito potrai scegliere tra i diversi piani disponibili: ne sono tre, e hanno tutti un costo decisamente abbordabile.

Il piano base, quello StartUp, costa al momento 3,99 euro al mese; il più costoso e completo, GoGeek, costa 10,79 euro al mese.

Ti ricordo che, ovviamente, le tariffe possono cambiare nel tempo.

Per esperienza posso dirti che per iniziare la scelta ideale è il piano GrowBig da 6,99 euro al mese.

Incluso nel prezzo avrai l’acquisto del dominio (con piena libertà di scelta tra i domini disponibili), 20 GB di spazio web e l’installazione gratuita di WordPress.

È un piano adatto a siti che ricevono fino a 100.000 visite mensili, quindi anche di una certa importanza.

Nel mio corso ROIBOOK NRG lo consiglio anche a chi vuole iniziare con i business online, essendo un piano adatto anche per un uso professionale.

Come creare un sito web con WordPress

Ci sono tanti altri servizi inclusi nel pacchetto, ma lascio a te l’onere di scoprirli tutti sul sito SiteGround.

Ti basta sapere che, con questo servizio di hosting, in pochissimi click avrai già pronto e online il tuo sito con WordPress installato e funzionante.

Devi solo scegliere il dominio, registrarti e ovviamente pagare.

Nel giro di qualche minuto avrai il pieno controllo sui domini che hai acquistato e potrai iniziare a creare contenuti sul tuo sito.

Un altro servizio (che potrai anche vedere nel video) è più economico di Siteground, ed a mio giudizio ottimo se vuoi iniziare a creare il tuo sito web con wordpress.

Sto parlando di Namehero, un servizio che ti permetterà di creare in pochi click un sito web in wordpress veloce e performante.

A questo punto inizia la seconda parte della nostra guida WordPress, ovvero la personalizzazione del sito.

Nei prossimi paragrafi vedremo come proseguire scegliendo i temi e i plugin migliori per il nostro spazio sul web.

Creazione di un sito web: i temi

Uno degli aspetti che spesso blocca una persona dal realizzare siti web è la consapevolezza di non essere in grado di realizzare l’interfaccia e i menù del sito.

Anche in questo caso WordPress ci dà una mano enorme grazie ai suoi temi.

Per creare un sito internet gradevole e di facile consultazione non è più necessario che tu conosca linguaggi come l’HTML e che abbia competenze grafiche.

I temi sono dei veri e propri “vestiti” pronti all’uso, che grazie a WordPress puoi installare sul tuo sito, dotandolo di una struttura e di un’estetica professionale.

Ce ne sono migliaia tra cui scegliere, e per installarli non è neppure necessario che tu esca dal pannello di gestione del CMS.

Come creare un sito web con WordPress

Nella sezione “Aspetto”, infatti, puoi navigare tra tantissimi temi installabili, avere un’anteprima in tempo reale e scegliere quello che maggiormente fa al caso tuo.

Consigli per la scelta del tema

Scegliere un tema invece che un altro è una questione non solo di gusti personali, ma anche di vere e proprie esigenze tecniche.

Mi spiego meglio.

I temi sono divisi in categorie, e hanno determinati tag.

Questo perché vengono realizzati tenendo conto delle esigenze di chi li utilizzerà.

Se ad esempio il tuo sito è un ecommerce, ci sono temi pensati proprio per questo tipo di piattaforma.

Se è un blog, ci sono temi strutturati tenendo conto del fatto che tu pubblicherai degli articoli, con i diversi accorgimenti del caso (una homepage con le ultime pubblicazioni, ad esempio, o che mette in luce i tuoi pezzi più letti e condivisi).

Ci sono poi altre caratteristiche ancora più tecniche che devono indirizzarti nella scelta del tema.

Ipotizzando che tu voglia posizionarti sui motori di ricerca usando le strategie SEO (di cui parleremo più avanti), l’ideale sarebbe optare per un tema SEO oriented, sviluppato cioè in modo da renderti più facile l’utilizzo di questi sistemi e di creare pagine che vengono ben viste da Google (o da altri search engine).

Stesso discorso vale anche per i temi mobile friendly, quelli cioè che si adattano perfettamente (e automaticamente) anche alla visione su dispositivi mobili (smartphone, tablet, etc…).

Gratis o a pagamento?

A questo punto va fatta una considerazione.

Se vuoi creare un sito gratis puoi optare, ovviamente, per un tema gratuito.

Un po’ come accade per il dominio, anche in questo caso ti consiglio però di investire le poche decine di euro necessarie all’acquisto di un tema a pagamento.

Sono più curati, sia graficamente che tecnicamente, con un codice più pulito ed elegante e che permette al tuo sito di essere più veloce e facile da utilizzare.

Inoltre, in genere, i temi a pagamento ti offrono un supporto di maggiore qualità qualora tu ne avessi bisogno.

I temi a pagamento sono disponibili sia sul marketplace di WordPress che su siti di terze parti.

Io ti consiglio il portale Themeforest, che ti mette a disposizioni temi realizzati da professionisti ad un ottimo prezzo.

È un investimento minimo, ma ampiamente ripagato.

Nel mio corso ROIBOOK NRG sottolineo più volte come queste piccole spese si ripaghino ampiamente già dopo poche settimane.

Come creare un sito web con WordPress: i plugin

Non solo i temi, c’è anche un altro grande vantaggio di cui possono godere i blog WordPress.

Sto parlando dei plugin, degli script (veri e propri programmi) che possono essere integrati nel proprio sito per espanderne le potenzialità.

Anche in questo caso ci sono plugin gratuiti e altri a pagamento.

Anche in questo caso quali installare dipende soprattutto dalle tue esigenze e dal tipo di sito che stai realizzando.

Voglio però farti una panoramica dei plugin che, secondo me, non dovrebbero mancare.

Per trovarli e installarli non devi far altro che andare nella sezione “Plugin” del nostro CMS.

AMP for WP

AMP for WP, ovvero Accelerated Mobile Pages per WordPress, è un potentissimo plugin che ti permette di automatizzare la creazione di pagine AMP, ovvero ottimizzate per i dispositivi mobile.

Quello che fa questo plugin gratuito è creare per ogni tua pagina una copia in versione AMP, cioè più veloce da caricare e più comoda da usare su device come smartphone e tablet.

È un aiuto importantissimo per il tuo sito.

Tieni conto che oggi, ci dicono le statistiche, gran parte del traffico che ricevono i siti arriva proprio dai dispositivi mobili.

Grazie a AMP for WP puoi in pochi click rendere il tuo spazio web più adatto ad accogliere questa importante fonte di traffico mobile.

Akismet Anti-Spam

Se bazzichi i social ti sarai reso conto di come alcune piattaforme, in particolar modo Instagram, siano ormai invase da commenti di account fasulli.

È il cosiddetto spam, ovvero l’invio di messaggi non richiesti da parte di profili sconosciuti che spesso hanno scopi pubblicitari o peggio ancora truffaldini.

Per evitare che il tuo sito venga invaso da questa “immondizia” digitale puoi installare un plugin gratuito chiamato Akismet Anti-Spam.

È uno script eccezionale perché, grazie ad un database costantemente aggiornato, riesce a riconoscere gli account spam e ad evitare che questi pubblichino messaggi sulle tue pagine.

Ti permette inoltre di gestire e revisionare i commenti bloccati, e di avere il pieno controllo su cosa gli utenti commentano sul sito.

Fai conto che questi messaggi, soprattutto se in grandi quantità, occupano dello spazio e che il tuo spazio (per cui paghi) è limitato (in genere a pochi GB).

Akismet mantiene il tuo sito pulito e ottimizza lo spazio occupato, riducendo le spese di gestione dello spazio web a tua disposizione.

Yoast SEO

Yoast SEO è un potente plugin gratuito che ti permette di dotare il tuo WordPress blog di una serie di strumenti per gestire al meglio gli aspetti SEO.

Di cosa si tratta te ne parlerò più approfonditamente nel prossimo paragrafo.

Per ora devi sapere che grazie a Yoast, che è tra i plugin più popolari di sempre, puoi avere una stima della qualità delle tue pagine web in termini di ottimizzazione SEO.

Puoi gestire le keyword, gli URL e i meta tag.

Puoi sapere quanto quello che hai scritto è facile da leggere.

Puoi, inoltre, avere delle sitemap XML che permettono a Google di comprendere appieno la struttura del tuo sito e aiutarlo a posizionare nei risultati di ricerca.

È uno strumento ricco di funzioni, alcune delle quali imprescindibili per creare un sito in WordPress di successo.

Come creare un sito web con WordPress: le strategie SEO

In questa guida abbiamo parlato di come creare un sito web.

La creazione, però, è solo la prima parte di questa avventura.

Prima di salutarti voglio darti qualche breve indicazioni di come fare in modo che il tuo sito diventi effettivamente attivo, e cioè abbia dei visitatori, evitando che invece finisca tra i milioni di siti abbandonati a cui nessuno accede.

Affinché il tuo spazio web abbia delle visite è indispensabile che si posizioni bene sui motori di ricerca.

Il sistema migliore per farlo è affidarsi alle strategie SEO.

Te ne ho parlato già qualche paragrafo fa, quando abbiamo affrontato il discorso dei temi.

SEO è una sigla che sta per Search Engine Optimization, ottimizzazione per i motori di ricerca.

Come creare un sito web con WordPress

Sotto di essa vengono racchiuse tutte quelle dinamiche e quei sistemi che permettono a un sito di essere accettato dai motori di ricerca e quindi di essere mostrato nelle pagine dei risultati (anche dette SERP).

Cerco di schiarirti ancora di più le idee.

Quando fai una ricerca Google usi delle parole chiave.

“Vacanza a Corfù”, ad esempio, o “miglior cellulare per scattare foto”.

Google interpreta questa tua richiesta, analizza le parole che hai digitato e ti propone una serie di risultati che a suo dire combaciano con quanto stai cercando (il search intent, ovvero l’intento di ricerca).

Fai conto che per ogni ricerca ci sono milioni e milioni di pagine che sono più o meno calzanti.

Il motore di ricerca decide come ordinarle nel risultati, e cioè quali mostrare per prima e quali dopo, in base ad una sorta di punteggio deciso con determinati algoritmi.

Bene, con le strategie SEO puoi fare in modo che le pagine del tuo sito web abbiano punteggi elevati e che, quindi, finiscano nelle prime posizioni e vengano mostrati a più utenti, generando più traffico.

Come funzionano le strategie SEO?

Partiamo da una premessa: gli algoritmi utilizzati dai motori di ricerca per ordinare i risultati sono segreti e vengono modificati nel tempo.

Ciò significa che nessuno può, con esattezza assoluta, sapere come convincere il motore (nel nostro caso Google) a dare un punteggio elevato ai propri contenuti.

Prove sul campo e analisi degli esperti hanno permesso comunque di avere delle linee guida da seguire che negli anni si sono mostrate piuttosto valide.

La correttezza del testo, ad esempio (assenza di errori grammaticali, presenza di ripetizioni, facilità di lettura).

L’aspetto cruciale delle strategie SEO restano comunque le parole chiave.

Sono quelle parole che, presenti nel testo, convincono Google che quella pagina tratta effettivamente di un determinato argomento.

Di certo non posso spiegarti in un paragrafo delle dinamiche che richiedono veri e propri corsi per essere studiate e approfondite.

Non a caso sono un argomento principale del mio corso ROIBOOK NRG.

Ti basti sapere, però, che se vuoi veramente creare sito web professionale non puoi trascurare l’aspetto SEO, indispensabile per avere uno spazio su internet attivo e utile.

Conclusioni

C’è un motivo se sempre più persone si chiedono come si fa un sito web.

Avere un proprio spazio in rete è una necessità avvertita soprattutto dai professionisti, che grazie ad una vetrina su internet possono riuscire a raggiungere un numero maggiore di clienti e far crescere la propria identità.

C’è anche chi vuole un proprio sito per motivi slegati da quelli lavorativi, un po’ come accade con gli account sui social network.

Qualunque sia il motive che ti ha spinto a leggere questa guida, spero che ora abbia più chiaro cosa ti serve per fare un sito con WordPress.

Il fatto che tu abbia scelto proprio questo CMS per realizzare il tuo sito è già un passo avanti.

WordPress è un servizio usato in tutto il mondo, potente e ricco di funzioni, che riduce enormemente il lavoro necessario alla costruzione e alla pubblicazione dei siti internet.

Ti toglie il peso di tutte quelle operazioni che una volta andavano eseguite manualmente, e che richiedevano competenze tecniche piuttosto avanzate.

Aiuta chi conosci a capire questi argomenti